Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Content Marketing: a che punto siamo?

Il punto di vista di web agency, staff di marketing e freelancer nell’infografica di Copypress



Image courtesy of tiramisustudio at FreeDigitalPhotos.net

Si può affermare che esiste un collegamento tra contenuti e andamento del business? Non è un mistero che obiettivo prioritario del sito web aziendale non è solo quello di presentare e far conoscere l’azienda in rete, ma soprattutto quello di vendere prodotti e servizi.
Ed è in questa fase che entra in gioco il content marketing, strumento in grado di coinvolgere l’utente e spingerlo all’acquisto. È infatti grazie ai contenuti che si può migliorare l’immagine del brand, informare gli utenti riguardo i prodotti o servizi, e migliorare la presenza sui motori di ricerca nelle SERP. In un certo senso si può affermare che il content marketing è un’opportunità nelle mani delle aziende che può imprimere una direzione positiva al business.

Copypress ha creato un’infografica che illustra lo stato attuale del content marketing attraverso il punto di vista di marketers, web agency e freelancer.

Il punto di vista delle web agency

La maggior parte delle web agency dichiara che i loro clienti conoscono poco riguardo il content marketing. L’82% crea 1-10 contenuti ogni mese, solo il 10% ne crea più di 50. Tra i contenuti più realizzati troviamo: post di blog (92%), web copy (70%), contenuti interattivi o video (45%). Gli ostacoli che le web agency incontrano nella creazione di contenuti per i loro clienti riguardano la difficoltà nel comprendere e venire incontro alle esigenze dei clienti (33%) e le produzioni su scala (15%).

Cosa pensa lo staff riguardo il content marketing

Per il 74% del personale di marketing intervistato, l’azienda annovera dall’uno ai quattro impiegati dedicati al content marketing nello staff, anche se il 34% ritiene che gli sforzi messi in campo non risultano del tutto efficaci. Le motivazioni che spingono le aziende a investire nel content marketing secondo lo staff sono: un miglior posizionamento e una maggiore visibilità (35%), creazione di una community e traffico ripetuto sul sito (13%), e incrementare revenue e vendite (43%). La maggior parte delle aziende (43%) pubblica contenuti una volta a settimana, il 35% pubblica contenuti giornalmente.
Dal punto di vista degli investimenti, il 26% investe meno di $5000 dollari nel content marketing, il 22% tra $5000 e $15000 dollari.

Il content marketing per i freelance

Oltre la metà (64%) dei freelance lavora full time, e ha più di 10 anni di esperienza come freelancer nel settore del content marketing (24%). La quasi totalità dei freelance (94%) ha prodotto contenuti scritti, e solo il 4% ha prodotto contenuti visuali e infografiche. La maggior parte delle tariffe dei freelance si basano sul rapporto costo/parola, e, in base al suo tariffario, il 32% si dichiara soddisfatto di quanto ha guadagnato. Il 47% dei freelancer dichiara che raramente viene riconosciuta l’attribuzione del lavoro svolto, anche se per il 53% vedere riconosciuto il lavoro non incide sul tempo e sullo sforzo profuso.

Giornalista pubblicista, per quattro anni si è occupato di CRM e di tematiche di Marketing sul magazine online CRM Magazine. Attualmente è Web Content Manager di CRM Web News - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply