Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Invasione di Ad-Blocker: a rischio il futuro del Digital Advertising?

Secondo uno studio di Accenture, il 61% dei consumer è a conoscenza degli Ad-Blocker, e il 42% pagherebbe per eliminare gli adv.

Image courtesy of mapichai at FreeDigitalPhotos.net
Image courtesy of mapichai at FreeDigitalPhotos.net

Sappiamo quanto gli annunci pubblicitari (video, immagini, testo) possono essere fastidiosi quando leggiamo un articolo, o guardiamo un video, ma sembra che siano presenti sulle pagine della maggior parte dei siti web. D’altronde se siamo arrivati a questo punto è perché la pubblicità si è spostata dalle forme tradizionali come carta stampata, TV e radio al web.
Ma gli utenti non sono stati a guardare: ad un primo periodo contraddistinto dall’invasione di banner in ogni dove sulle pagine web, ne è seguito immediatamente un altro in cui ogni utente ha installato sul browser l’Ad-Blocker per velocizzare il caricamento delle pagine web, ridurre il consumo di banda e migliorare alcuni aspetti legati alla privacy.
Secondo un recente studio di Accenture, in media il 61% dei consumer è a conoscenza delle diverse opzioni che permettono di bloccare gli adv (testo, immagini e video) sulle pagine web, e il 42% pagherebbe per eliminarli. E questo secondo  accade perché “… troppi annunci sono scarsamente mirati. Nel mondo di oggi contraddistinto da contenuti personalizzati, essere costretti a guardare un annuncio che non ha rilevanza è un’occasione mancata ed è come se fosse un’invadenza nel tempo dedicato allo schermo…”.

il 61% dei consumer è a conoscenza delle diverse opzioni che permettono di bloccare gli adv (testo, immagini e video) sulle pagine web, e il 42% pagherebbe per eliminarli.

Le percentuali dello studio lo confermano: il 74% dei consumer visualizza adv che non corrispondono ai loro interessi, mentre il 50% sarebbe interessato a visualizzare pubblicità che coincidono con i loro interessi.

I consumer più interessati da questo trend sono i giovani (18-24 anni): secondo lo studio il 69% di loro conosce queste tecnologie, il 66% per la fascia 25-34 anni.
A livello geografico, i consumer dei Paesi emergenti sono più informati riguardo gli Ad-blocker rispetto ai consumer dei Paesi economicamente maturi – rispettivamente 65% e 58%. L percentuale più alta viene registrata in Messico (82%), quella più bassa in U.K. (55%)

Lo studio è stato compiuto intervistando 28000 consumer in 28 Paesi, tra cui l’Italia.

Ad Blocker Digital Adv_Infografica

Giornalista pubblicista, per quattro anni si è occupato di CRM e di tematiche di Marketing sul magazine online CRM Magazine. Attualmente è Web Content Manager di CRM Web News - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply