Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Il Video Marketing nel 2016

I video si rivelano tool che riescono a garantire un ROI, aumentano il tasso di conversione e migliorano l’esperienza online:  lo studio di Wyzowl

Designed by FreePik
Designed by FreePik

Gli ultimi anni hanno certamente visto l’ascesa del video marketing come elemento essenziale in ogni strategia di marketing: aumentano le ore di visualizzazione da parte dei consumer, crescono le piattaforme che permettono a consumer e aziende di pubblicare video, crescono le condivisioni su social media e siti web. Oggi il 61% delle aziende sfrutta i video come strumenti di marketing (l’88% ritiene siano uno strumento essenziale), e il 67% pianifica di aumentare gli investimenti nel corso del 2016.

il 61% delle aziende sfrutta i video come strumenti di marketing (l’88% ritiene siano uno strumento essenziale), e il 67% pianifica di aumentare gli investimenti nel corso del 2016.

Quale ruolo gioca il Video Marketing nell’esperienza online? È realmente in grado di aumentare il tasso di conversione? L’azienda inglese Wyzowl  ha condotto un survey “The State of Video Marketing 2016” per capire più da vicino, attraverso dati e statistiche, il ruolo del video marketing nelle strategie aziendali e soprattutto se i video oggi possono garantire un ROI.
Basta dare uno sguardo ai dati dello studio per comprendere le potenzialità del “Video Marketing”  e la sua importanza nel mercato di riferimento:

  • Più dati e metriche danno atto dell’impatto positivo dei video sul ROI: il 76% delle aziende che utilizzano i video dichiarano che garantiscono un ROI, il 72% che i video hanno migliorato il tasso di conversione sul sito, e il 62% che i video hanno contribuito a generare maggiore traffico sul sito web;
  • I video hanno un effetto sulla propensione all’acquisto dei consumer: la quasi totalità dei consumer (98%) ha guardato un video per conoscere meglio un prodotto/servizio, e il 74% che ha guardato il video di un prodotto ha successivamente proceduto con l’acquisto;
  • Il 77% dei consumer dichiara di aver deciso di comprare un prodotto o servizio dopo aver visto un video;
  • Piuttosto che parlare con un operatore o chiamare in azienda, il 68% dei consumer preferisce guardare un video per risolvere un problema;
  • Anche la qualità dei video fa la differenza: il 61% dei consumer infatti ha deciso di non acquistare un prodotto dopo aver visto un video che non presentava efficacemente un prodotto, e il 25% dichiara che un video in bassa qualità costituisce un deterrente all’acquisto.
Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply