Please enable / Bitte aktiviere JavaScript!
Veuillez activer / Por favor activa el Javascript![ ? ]
Psicologia dei colori nel Marketing: come scegliere quelli giusti per il brand | CRM Web News
Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Psicologia dei colori nel Marketing: come scegliere quelli giusti per il brand

Negli ultimi anni la psicologia dei colori ha rivestito un’importanza cruciale per i brand: come orientarsi nella scelta più efficace per il logo con questa infografica.

Psicologia dei colori nel marketing
Designed by Freepik

La psicologia dei colori nel marketing ha acquisito nel tempo un’importanza cruciale: la concorrenza ha imposto un’attenzione verso l’aspetto grafico e creativo del business prima impensabile, e sempre più spesso sono il logo e i colori ad influenzare la percezione che i consumer hanno del brand.

Quali sono i colori più adatti per una tipologia specifica di brand? Quali incidono positivamente sulla propensione all’acquisto e sulla customer trust? Quali sono i colori scelti dai brand più famosi e perché?

Partiamo da un dato: la vista è certamente il senso più “rapido”, non solo perchè le immagini sono la prima cosa che notiamo e ricordiamo in un documento, ma perchè il cervello umano impiega pochissimo tempo per legare un colore ad un’emozione e quindi dare un giudizio su un brand. Se quindi i visual content (specialmente quelli generati dagli utenti) sono l’elemento-chiave in grado di aumentare l’engagement con effetti positivi sul business, è chiaro che progettare un logo con colori efficaci, diretti a una specifica audience e per uno specifico mercato diventa uno step essenziale per il successo di un business.
Basta prendere come esempio i social network più famosi che hanno scelto il blu come colore principale del logo: Facebook, Twitter, Linkedin etc.. si sono affidati al blu da sempre simbolo di stabilità, fiducia, lealtà, calma e tranquillità. Ma è possibile citare anche altri esempi di loghi di successo, che hanno sfruttato la psicologia dei colori per avere un appeal sui consumer.
Un riscontro in termini di riconoscibilità del brand che dimostra come per il cervello anche i colori sono importanti, e che per questo motivo affidarsi alla psicologia dei colori in fase di progettazione del logo aziendale è fondamentale.

L’infografica di IconicFox analizza quali colori sono stati utilizzati dai brand più famosi, a quali personalità si possono adattare, lo stato d’animo che generano nelle persone, e le preferenze dei colori tra uomo e donna.

Scopriamo così che:

  • Il rosso, colore della passione, del dinamismo e dell’energia, crea un senso di “urgenza” particolarmente indicato negli ecommerce. Inoltre stimola l’appetito, e per questo è utilizzato da alcune catene di fast-food. È un colore che si adatta a personalità audaci, avventurose e dinamiche, ed è particolarmente preferito dalle donne. Solo il 9% delle persone lo considera “cheap”.
  • L’arancione simboleggia il sole, e si adatta a personalità avventurose, competitive e deluse. Proprio per questo, sarebbe preferibile utilizzarlo per un brand che non fa parte del corporate aziendale. Non è un colore particolarmente apprezzato dai consumer – il 26% lo considera “cheap” – ed è il meno preferito dal 33% delle donne.
  • Il giallo rappresenta ottimismo, felicità e creatività, ed è indicato per personalità indipendenti e impulsive. Molti brand famosi si sono affidati al giallo come colore principale del logo, come Hertz, McDonald’s e Post-it, e i consumer sembrano apprezzarlo – è il colore preferito dal 57% degli uomini e dal 35% delle donne; tuttavia il 22% delle persone lo considera un colore “cheap”.
  • Il verde, da sempre legato alla natura, è un colore che esprime speranza, crescita, salute ed equilibrio, ma è anche un colore che, in alcune tonalità, viene utilizzato per indicare crescita legata al potere (per esempio, militare o economico). È un colore per le personalità autentiche, amichevoli e aperte, e questa sua caratteristica di positività lo rende colore preferito dal 14% delle persone.
  • Il blu, colore dominante di molti marchi come Ford, Facebook e Nivea, simboleggia calma, fiducia, fedeltà e costanza. Si adatta a personalità rispettose, fedeli e socievoli, ed un colore che registra un alto tasso di preferenze – 57% uomini e 35% donne. Solo l’1% lo considera un colore “cheap”.
  • Nella psicologia dei colori nel marketing il viola da sempre è il colore della regalità e per questo viene scelto dai brand che vogliono comunicare prestigio. Ma è anche un colore che viene scelto per esprimere stravaganza ed eccessi, oltre che spiritualità e immaginazione. Il viola si adatta a personalità sensibili ed empatiche, ed è il colore meno preferito dagli uomini (22%).
  • Il colore magenta/rosa raffigura la femminilità, ed esprime speranza, benessere, creatività e innovazione. Si adatta a personalità spirituali e pratiche, ed è il colore preferito dal 5% delle donne e dall’1% degli uomini.
  • Il colore nero, utilizzato da brand come Chanel, Hugo Boss e L’Oreal, simboleggia il lusso, la forza, l’eleganza, l’autorità e la sofisticatezza. Appropriato per le personalità decise, sicure e serie, è il colore preferito dall’8% degli uomini e dal 6% delle donne.
  • Infine il colore bianco/argento, simbolo della chiarezza, della semplicità, e della purezza, e se utilizzato efficacemente, può dare al look un effetto moderno, elegante e semplice. Adatto alle personalità ottimiste e indipendenti, viene considerato un colore “cheap” dal 9% delle persone.

iconic-fox-colour-in-branding-infographic

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply