Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Quale social media incide positivamente sulla Customer Satisfaction?

Google+ e Pinterest registrano un tasso più elevato di Social Customer Satisfaction, mentre cala la customer satisfaction quando si parla di notizie online

Customer Satisfaction
Designed by Freepik

La Customer Satisfaction  registra quest’anno una leggera flessione (-0.8%), ad eccezione della Social Customer Satisfaction: secondo lo studio dell’American Customer Satisfaction Index (ACSI®) mentre la soddisfazione generale dei clienti è rimasta pressoché invariata, alcune piattaforme Social riescono a garantire un migliore livello di satisfaction.
I dati sono chiari: la Social Customer Satisfaction generale segna un livello medio pari a 73/100 con alcune piattaforme che meglio di altre giocano un ruolo fondamentale nella soddisfazione degli utenti.

Quasi a sorpresa, secondo lo studio, la classifica delle piattaforme più efficaci nel Customer Satisfaction è guidata da Google+: i suoi utenti sono infatti quelli più soddisfatti – 81% con un +7% rispetto allo scorso anno. Seguono Pinterest, con una percentuale del 78% (+3%) e Wikipedia. L’enciclopedia online condivisa riesce infatti a mantenere quasi stabile (1%) il livello di user satisfaction.
La possibilità di inserire le storie su Instagram ha permesso di guadagnare l’1% assestandosi ad un 75% seguito da YouTube, che, nonostante registri il 74% come livello di soddisfazione generale, rispetto allo scorso anno ha perso 4 punti percentuali.
Sebbene siano le piattaforme più utilizzate, Facebook e  Twitter occupano i posti bassi della classifica – rispettivamente 68% e 70%

Le opinioni battono le informazioni

Forse complice il fenomeno delle fake news, i consumer sono diventati più sensibili alle informazioni online, che registrano una flessione dell’1,3% nella Customer Satisfaction rispetto allo scorso anno. Secondo Claes Fornell, Amministratore e fondatore di ACSI: “Non sorprende che le opinioni battono le informazioni nella customer satisfaction. Fino a quando ci saranno abbastanza siti di opinioni disponibili, è più facile trovare una corrispondenza tra sito e opinione dell’utente piuttosto che la corrispondenza tra opinioni e fatto”
Secondo il report, colossi dell’informazione come Fox News o ABC News registrano percentuali in calo rispetto allo scorso anno (-3%).
Lo stesso si può affermare per i motori di ricerca: Google, pur mantenendo un tasso elevato di Customer Satisfaction (82%), segna un – 2%, seguito da Microsoft Bing (- 3%), e Yahoo (- 1%)

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply