Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Turismo, Marketing e CRM: intervista a Roberto Necci

Come è cambiato il settore del Turismo e del Travel&Hospitality. Ne abbiamo parlato con Roberto Necci, Presidente ADA LAZIO: la stretta correlazione tra brand reputatione tariffa che il cliente è disposto a pagare, il sito webfriendly-user, ilcustomer service, il ruolo dei Social Media.

Image courtesy of Naypong at FreeDigitalPhotos.net
Image courtesy of Naypong at FreeDigitalPhotos.net

Turismo, Marketing e CRM: elementi che mai come in questi ultimi anni hanno assistito ad una profonda trasformazione, a livello di business, di approccio al cliente e di strategie innovative per la creazione delle tariffe.
Complici il web, che ha spostato in rete, sulle OTA (Booking, Expedia, Trivago …..) il rapporto diretto che prima si instaurava tra agenzia di viaggio e cliente, e le nuove tecnologie, che hanno reso l’utente più esperto e più esigente sia rispetto ai prezzi, che ai servizi offerti dagli alberghi e i servizi a portata di touch.
I Tour operator e le agenzie viaggi quindi hanno dovuto necessariamente trasferire questi input nei workflow e nelle strategie di marketing per non perdere vantaggio competitivo e fette di mercato importanti: nuovi servizi agli utenti, un ottimo rapporto qualità/prezzo, offerte più studiate e mirate, e assistenza costante sono elementi su cui oggi si giocano le sfide di business nel settore travel&hospitality.
Per capire come è cambiato e si è trasformato il mercato, e in che modo oggi il turista e il consumer si approcciano al mercato quando vogliono organizzare un viaggio, abbiamo intervistato Roberto Necci, imprenditore e Manager Alberghiero, Presidente dell’ Associazione Direttori Albergo Lazio (ADA).

D: Il web ha reso “esperto” l’utente: come è cambiato il consumatore/turista nel corso degli anni? Cosa cerca principalmente su web e nelle agenzie di viaggio?

Oggi il turista e’ senza dubbio più esperto ed ha a disposizione molti più strumenti di confronto, oggi siamo nell’epoca dell’esperienza condivisa ed i social networks ed i siti di recensione sono quelli a cui si attinge per reperire informazioni sulle destinazioni turistiche e sull’offerta. Il prezzo è un elemento importante nella ricerca ma anche la reputazione dell’offerta turistica o della destinazione.

D: Secondo Lei, quanto e in che modo la crisi ha inciso e in un certo senso ha modificato il rapporto tour operator/turisti?

Il tour operating nel senso tradizionale del termine come la filiera distributiva tradizionale (tour operator / agenzie di viaggio ) sarà sempre di più sotto tensione, tutto ciò dovuto al cambio delle dinamiche di acquisto del consumatore, sempre più indipendente e lontano dall’offerta rigida.

D: Il turismo può ancora essere considerato traino dell’economia?

Il turismo non può non essere considerato come traino, deve essere considerato come traino, ma è anche vero che per essere un buon investimento, deve essere legato ad una serie di servizi che turistici non sono: penso a sistemi di trasporto, alle infrastrutture, all’usabilità della città. Quando il turismo è un buon investimento? Quando viene inserito in un contesto che ne apprezza la valenza.
In alcune regioni italiane il turismo non viene considerato e non porterà mai benessere, per esempio in un’area dove c’è un bel mare, una bella spiaggia, però non ci si arriva con il sistema dei trasporti, non c’è il tessuto sociale in grado di valorizzare le ricchezze turistiche; in realtà è lo Stato che deve garantire un sistema infrastrutturale di trasporti che è propedeutico allo sviluppo dell’industria turistica.  In assenza di questo è inutile parlarne.

D: Quanto incidono la qualità e il customer service sulla scelta dei clienti? Può fare un esempio concreto di come questi elementi abbiano pesato sulla scelta di un’azienda o una tipologia di viaggio pur avendo un prezzo superiore alla media?

La customer experience, la capacità di soddisfare un’esigenza ed un bisogno sono elementi distintivi che superano la leva del prezzo. Strategia Oceano Blu , che consiglio di leggere rende bene l’esempio.
Vi è una stretta correlazione tra la tariffa che il cliente è disposto a pagare agli istituti alberghieri e la reputazione dell’albergo, la brand reputation. Vi è una diretta correlazione tra prezzo e reputazione: l’albergo deve lavorare sulla qualità e la qualità che i clienti riescono a percepire e riescono a manifestare attraverso i siti di recensione, i Social Network affinchè la reputazione dell’albergo venga costruita e gli consenta di vendere delle tariffe connesse a livelli reputazionali.
Oggi la reputazione viene costruita man mano attraverso tutti i clienti che hanno soggiornato nella struttura, i quali diffondono la qualità attraverso un sistema online di reputazione che fa in modo di costruire questa brand reputation e di conseguenza le tariffe dell’albergo.

Image courtesy of ddpavumba at FreeDigitalPhotos.net
Image courtesy of ddpavumba at FreeDigitalPhotos.net

D: In un piano marketing di un tour operator, quali strategie si sono dimostrate più efficaci nel tempo, e quali elementi non possono mancare?

Io ho esperienza nell’ambito alberghiero e del tour operating: il tour operating  si è evoluto perché alcuni segmenti di mercato hanno prediletto l’utilizzo di piattaforme informatiche OTA come Booking, Expedia, Orbitz, altro non sono che forme evolute di tour operating. Solo che il procacciamento dei clienti non avviene più la rete agenziale che distribuisce piattaforme ma piuttosto sulle piattaforme internet. Riguardo un piano marketing, per prima cosa dobbiamo chiederci a chi vogliamo vendere i nostri prodotti.
Ad esempio i tour operator finanziati per i gruppi chiusi, precostituiti , per le programmazioni, possono avere forme di distribuzione tradizionali, mentre i tour operator che sviluppano un segmento del cortoraggio, devono approcciarsi alla rete internet.

D: Quali strumenti di customer service vengono utilizzati maggiormente dagli utenti (livechat, mail etc..), e quali sono essenziali per un tour operator?

L’online condiziona gran parte delle scelte dei consumatori, noi non possiamo fare a meno di ascoltare quello che il mercato chiede. Il grado di soddisfazione del cliente che utilizza in nostri servizi è un elemento predominante perché parlerà a coloro i quali che saranno interessati a utilizzare nuovamente i servizi. L’aspetto reputazionale oramai investe vari settori merceologici, e quindi anche il settore alberghiero e del tour operating.

D: Sito web, marketing e customer service: secondo la Sua esperienza, cosa si aspetta un utente da un sito web? Quando un sito web può dirsi effettivamente customer-centric e quindi sito web in grado di migliorare la customer experience per evitare il cart-abadonment?

Un sito web deve esser friendly-use, facile da leggere, facile da usare, fruibile dai normali computer, e attraverso le piattaforme smartphone – multidevice, web design, tutte quelle tecniche che permettono al sito di essere fruibile al consumatore. Anche perché il successo delle piattaforme online nasce proprio da una usabilità, semplici che vanno dritti al sodo.

D: Quando si parla di CRM nel settore “turismo”, a cosa si fa riferimento oggi rispetto al passato?

Oggi proprio per l’importanza che ha la reputazione all’interno delle nostre strategie tariffarie, perché tutto quello che facciamo è pubblico, è evidente che le strategie di CRM debbano essere molto più sofisticate rispetto al passato. Noi dobbiamo non solo mappare i flussi informativi riguardo i servizi che noi eroghiamo, ma dobbiamo anticiparli e da questi dobbiamo percepire l’importanza dei vari assunti, delle varie critiche, delle varie considerazioni perché da lì dobbiamo orientare le nostre strategie e gli investimenti. Oggi non ascolte il mercato è impossibile.

Image courtesy of renjith krishnan at FreeDigitalPhotos.net
Image courtesy of renjith krishnan at FreeDigitalPhotos.net

D: Social Media e Turismo: in che modo i social hanno cambiato il mondo del turismo? Su quali social network siete attivi e che tipo di rapporto intrattenete con i vostri utenti?

I social network hanno cambiato non solo il turismo, ma anche le nostre vite, in nostri mezzi di contatto, le nostre relazioni. Figure che prima non esistevano nei vari settori industriali come i social media manager e l’importanza delle campagne online coordinate con quelle off line. Oggi non possiamo non parlare di CRM perché dobbiamo mappare i flussi informativi dei nostri clienti perché da loro dobbiamo partire per definire la nostra offerta e canalizzare i nostri investimenti

D: E il mobile e le App che ruolo hanno oggi nel Marketing e nel CRM?

Il futuro sarà mobile: saranno utilizzatori in movimento, il  nostro modo di lavorare è cambiato, l’organizzazione del lavoro, i nostri smartphone e dispositivi rappresentano l’ufficio portatile. Noi attraverso questo dobbiamo avere una serie di contatti e servizi prenotabili compatibili con i nostri dispositivi. Le App nascono comunque con una strategia che parte dall’offline, le App sono il raggiungimento di una strategia che tende alla fidelizzazione.

D: Come vede il turista del domani? In che modo cambierà e si evolverà nel futuro il modo di fare turismo?

In base a quello che sto vedendo e quello che è la normale percezione di operatore nel mercato internazionale, è evidente che si è sempre più connessi, si è sempre più utilizzatori di dispositivi in movimento, si è sempre più pretenziosi sull’avere il mondo a portata di touch. Questo è l’elemento più evidente. Si stanno anche affacciando nuovi consumatori che hanno nuovi approcci all’acquisto dei servizi online. Almeno nel medio periodo questo trend verrà confermato.

Biografia di Roberto Necci, Imprenditore e Presidente di ADA Lazio

Foto_Roberto Necci

Roberto Necci, Presidente ADA Lazio Associazione direttori d’albergo del Lazio, membro del consiglio direttivo e della giunta esecutiva di Federalberghi Roma, direttore generale dell’Hotel Savoy di Roma e proprietario dell’Hotel XX settembre di Roma. Docente in Master post universitari di Management Alberghiero e membro dell’Advisor Board della principale società di consulenza al mondo per la quale ha curato oltre 50 progetti di fusione, acquisizione di aziende alberghiere e turistiche per conto di banche e fondi di investimento. Laurea in economia delle aziende turistiche con tesi in Merchant Banking in ambito alberghiero.

SCARICA L’INTERVISTA IN FORMATO .PDF

Giornalista pubblicista, per quattro anni si è occupato di CRM e di tematiche di Marketing sul magazine online CRM Magazine. Attualmente è Web Content Manager di CRM Web News - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply