Notizie e aggiornamenti sul Marketing, la Customer Experience e il Customer Relationship Management

Twitter: perché si perdono follower

I consumer sono attivi sui social, e basta poco per perdere consensi, come per esempio pubblicare troppi tweet promozionali o essere poco professionale. Le motivazioni alla base dell’ “unfollow” secondo DK New Media

Designed by Freepik

Chi sta uccidendo il tuo profilo su Twitter? Sembra un’esagerazione, ma nell’era 4.0 dove i rapporti umani sono smaterializzati, e dove i follower possono decretare il successo di un personaggio o di un’azienda, trasformandoli in influencer, il numero di seguaci conta. E non poco.
Posto che l’acquisto di follower sia una mossa-boomerang per qualsiasi utente consumer o business che sia, ogni profilo mira a veder crescere i propri seguaci: un percorso non facile, e soprattutto lungo. Acquistare credibilità in rete è difficile, e non bastano i numeri o le cifre per poter avere il distintivo “trust”.
Gli utenti cambiano spesso atteggiamento, e soprattutto sui social mostrano interesse o disinteresse verso i brand che riescono a coinvolgerli maggiormente, o riescono a dare risposta alle loro domande.

Perché un brand perde follower?

Sono diverse le motivazioni che possono spingere un utente a non seguire più un brand su Twitter: secondo DK new Media sono principalmente quindici

  • “Twittare” troppo: è la motivazione che spinge il 52% a non seguire più un profilo;
  • Anche la self-promotion è causa di un-follow;
  • Pubblicare troppi post di spam;
  • Il 43% smette di seguire un brand perché perde interesse;
  • Essere troppo ripetitivo o ricorrere troppo all’automation (29%);
  • Essere poco professionale oppure offensivo;
  • Inserire troppi tweet che chiedono, per esempio, di re-twittare o di seguire un profilo;
  • Essere poco attivi;
    Vengono pubblicati tweet che non stimolano l’interazione;
  • Troppi tweet con errori grammaticali;
  • A twitter, viene preferito Foursquare;
  • Nel profilo compaiono troppi retweet;
  • Vengono utilizzati troppi hashtag o i tweet sono di Direct Marketing.

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply