Notizie e aggiornamenti sul Marketing, la Customer Experience e il Customer Relationship Management

USA: Webrooming in crescita

Condividi:

Aumenta in numero di utenti che cerca prodotti online per poi acquistarli nei negozi, così come il numero di utenti che combina shopping online e presso gli store ; in crescita l’utilizzo  degli smartphone e dei tablet per lo shopping online. Lo studio di GfK

La tecnologia arriva in aiuto ai retailer: secondo lo studio GfK FutureBuy® Shopping Study condotto negli USA su 1000 utenti adulti, è in crescita il numero di utenti mobile che attraverso lo smartphone combina shopping online e shopping in-store per i decidere dove effettuare acquisti. Un trend scelto dal 44% degli intervistati (+7% rispetto al 2013), anche in settori prima prerogativa degli acquisti in-store: Beauty and Personal Care (39%), Giardinaggio (29%), e Food&Beverage (22%).

Showrooming Vs Webrooming
La notizia pubblicata sul sito, riporta anche un dato interessante: diminuisce la percentuale di utenti che ricorre allo showrooming tramite smartphone – nel 2013 era del 37%, nel 2014 è diminuita fino al 28%. In controtendenza il “webrooming” (ricerca dei prodotti online e successive acquisto nei negozi) che si attesta al  41%.
I dati variano al variare della tipologia di utenza: i giovani 18/24 anni sono più propensi allo Showrooming, mentre i 25/34enni ricorrono al Webrooming.

Table 1. Showrooming versus Webrooming Using a Smartphone

Generation Z
(18 to 24)
Generation Y
(25 to 34)
Generation X
(35 to 49)
Boomers
(50 to 68)
Showrooming
39%
32%
29%
18%
Webrooming
34%
46%
43%
30%
Dal sito GfK

Acquisti online e in store. In crescita l’utilizzo di dispositivi mobile
Perché ricorrere agli acquisti in-store? Per diversi motivi: dalla sensazione di sicurezza e prima dell’acquisto (indicato dal 58%), alla possibilità di avere prima il prodotto (53%) al cambio facile (35%).
Chi invece preferisce lo shopping online, lo fa principalmente perché risparmia (61%), poi perché è più semplice (53%) e si ha più scelta (46%).
PC e Notebook sono i mezzi più scelti dagli utenti per effettuare la maggior parte degli acquisti, anche se in percentuale inferiore rispetto al 2013 (63% del 2014, in diminuzione rispetto al 78% del 2013). Tuttavia, anche se lentamente, smartphone e tablet stanno iniziando a diffondersi come device per lo shopping, addirittura raddoppiando il loro utilizzo: in un anno, gli smartphone sono passati dall’8% al 15%, i tablet dal 5% al 10%

Table 2. Use of Smartphones and Tablets for Online Shopping

Generation Z (18 to 24)
Generation Y (25 to 34)
Generation X (35 to 49)
Boomers (50 to 68)
Smartphones
21% (+8*)
25% (+11)
15% (+7)
7% (+4)
Tablets
9% (+2)
10% (NC)
11% (+5)
10% (+8)

*  Percentage point change versus 2013

Dal sito GfK

Per scaricare lo studio (previa registrazione) collegarsi sul sito web http://www.gfk.com/us/Solutions/shopper-and-retail-strategy/Pages/GfK-FutureBuy-2014-US.aspx

Image courtesy of Feelart at FreeDigitalPhotos.net

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply