Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Video Marketing: 127 statistiche e dati

Dalla nascita all’utilizzo da parte dei marketer, fino alle piattaforme, al ruolo dei video nei siti e-commerce e alla loro incidenza positiva sul tasso di conversione e coinvolgimento dei consumer.

Designed by Freepik

Anno 2004 e 2005: nascono rispettivamente Vimeo e YouTube. Pochi anni dopo YouTube si afferma  come piattaforma di streaming più utilizzata, raggiungendo un miliardo di visualizzazioni giornaliere.  Oggi, quattordici anni più tardi, i video hanno rivoluzionato il modo di fare marketing, spostando l’asse degli investimenti dal vecchio “tubo catodico” alla rete, dove, seguendo i trend di mercato, sono proliferate le piattaforme che ospitano video – da Facebook a Dailymotion, a Snapchat – oppure sono le piattaforme esistenti ad essersi trasformate e aggiornate per permettere agli utenti e alle aziende di caricare video – Instagram Stories o Twitter Videos.
I marketer da anni investono quote sempre maggiori del loro budget in video marketing, consci dell’appeal che hanno sui consumer e dell’alta capacità di coinvolgimento, soprattutto quando si parla di video sui Social Media – su Twitter i video sono ri-tweettati 6 volte di più rispetto ai tweet con le foto, su Facebook ogni giorno vengono viste 100 milioni di ore di video, e su Instagram la pubblicazione di video è più che raddoppiata rispetto al 2015.
Da questi pochi dati si può facilmente capire come i video rappresentino un’opportunità per utenti e aziende: per gli utenti sono un mezzo di comunicazione e una finestra sul mondo, dato che le piattaforme di video sharing hanno dato agli utenti la possibilità di scegliere cosa vedere e quando vederlo. Per le aziende, la rete ha permesso in un certo senso di slegare il concetto di pubblicità dalla TV, rivoluzionandolo grazie alla presenza di più piattaforme di pubblicazione, e la possibilità di sfruttare la modalità “live streaming” per promuovere il brand e i prodotti.

Altri dati confermano questo trend: a racchiudere statistiche di Video Marketing del 2017 ci ha pensato Website Builder, con un’infografica dove vengono riportati 127 dati sul video marketing, dalla nascita fino all’utilizzo da parte di brand multinazionali.

  • Dal 2012 al 2016 la visualizzazione di video è cresciuta, passando da 171 a 213 milioni, ed entro il 2020 il 75% del traffico mobile sarà rappresentato da video;
  • YouTube rappresenta la piattaforma più utilizzata per vedere e caricare video: il 72% dei marketer sceglie Youtube nell’ambito delle strategie di video marketing, e solo YouTube ogni mese registra circa 182 milioni di visitatori unici;
  • dal 2015 al 2016 la spesa globale per video marketing online è passata da 13 a 23 miliardi di dollari, e solo nel 2016 quasi la totalità (96%) dei marketer ha investito in video marketing;
  • Perché i marketer investono nei video? Rispetto ai video trasmessi in TV, i video online registrano una brand recall 50%:27%, e un message recall 2:1, e il tasso di  Call to Response dei video ads è 18 volte più alto rispetto a quello dei banner HTML. Inoltre un terzo dei retailer dichiara che attraverso i video ha incrementato le conversioni del 91%, e i siti e-commerce che includono video registrano il 9% di conversioni e il 68% di incremento medio degli ordini;
  • La lunghezza dei video può avere un’incidenza sul tasso di coinvolgimento e conversione degli utenti: con il 55% di aided recall, i video adv di 10-15 secondi restano più impressi nelle menti degli utenti, su YouTube gli adv di 30 secondi registrano un brand appeal maggiore rispetto a quelli di 15 secondi, e su un sito e-commerce la lunghezza ideale di un video relativo ad un prodotto è meno di 30 secondi;
  • Includere i video nelle email marketing incrementa il click-through rate (Percentuale di clic) di 2-3 volte, e la loyalty del 35%. Inoltre già il 60% dei marketer e il 42% dei retailer includono i video nelle mail;
  • Anche i video nei siti e-commerce hanno effetti positivi sul business: il 14% delle vendite online retail sono influenzate dai video, e il 73% degli utenti è più propenso all’acquisto dopo aver visto un video.

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply