Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Customer Retention e App

Le App possono migliorare la Customer Retention, ma diversi fattori ne decretano il successo: il confronto Usa e Cina nello studio di Localytics

Image courtesy of emptyglass at FreeDigitalPhotos.net
Image courtesy of emptyglass at FreeDigitalPhotos.net

Le app sono utili per la Customer Retention? Sono effettivamente in grado di fidelizzare i clienti? Secondo lo studio di Localytics, solo negli USA è cresciuta la Customer Retention grazie alle App, mentre nel resto del mondo è più frequente lo user abandonment (la percentuale di utenti che abbandona l’App dopo il primo utilizzo).

Le percentuali richiamate parlano chiaro: il 25% degli utenti utilizza l’app solo una volta, in aumento rispetto al 2014 (20%), mentre, specularmente, è diminuita al 34% la user retention.

il 25% degli utenti utilizza l’app solo una volta, in aumento rispetto al 2014 (20%), mentre, specularmente, è diminuita al 34% la user retention.

La ricerca si focalizza su due metriche – la user retention e lo user abandonment – e analizza nello specifico quello che è successo in due Paesi, gli USA e la Cina, che mostrano percentuali opposte che aiutano a comprendere i fattori di successo (e insuccesso) delle App. Mentre negli USA la “retention” ha registrato un incremento, passando dall’11% al 42%, e l’abbandono una riduzione fino al 19%, in Cina la situazione è diametralmente opposta – la retention è diminuita drasticamente, dal 27% al 18%, mentre l’abbandono registra una percentuale del 37%

App_User_Retention_Rate1 App_User_Retention_Rate2

Le motivazioni

Diverse ragioni possono giustificare una retention così alta in USA: i miglioramenti nello sviluppo di App, le strategie che coinvolgono gli utenti attraverso tool, e le strategie messe in campo per “recuperare” gli utenti persi attraverso email e remarketing.
Così come, nel caso della Cina, le motivazioni possono essere molte, che dovrebbero essere analizzate anche alla luce del fatto che in particolare lo scorso anno in Cina si è assistito ad una drastica riduzione della retention: dal 27% al 18%, e un conseguente aumento dello user abandonment dal 26% al 37%
Tra le motivazioni richiamate da Localytics, troviamo per esempio, i vecchi device con memoria interna limitata – l’iPhone 6, che rispetto ai precedenti, hanno un storage maggiore e un tasso di retention  pari al 27% , oppure l’adozione massiccia di smartphone e reti 4G che ha portato al download massiccio di App, l’utilizzo solo di WeChat come free messaging app anche per i servizi commerce, o ancora una media bassa di tempo passato sulle App rispetto agli USA.

I Push messaging

Restando in tema “App”, c’è un fattore che accomuna i diversi Paesi, e che viene implementato per incrementare la retention: i Push messaging. Che, stando a quanto illustrato nello studio, hanno un alto tasso di user retention grazie alla loro capacità di “dialogare” con gli utenti e migliorare la percezione totale del valore di quell’App: negli USA più del 50% degli utenti che accettano l’opt-in per ricevere messaggi, ritornano regolarmente su quell’App, anche più volte, e in Cina le App che hanno al loro interno Push messaging hanno registrato un aumento della retention del 35%

App_User_Retention_Rate3

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply