Notizie e aggiornamenti sul Marketing & il Customer Relationship Management

Fissare il prezzo giusto in-store

La rivoluzione digitale ha inasprito la competizione tra online e negozi fisici: lo studio di Display Data mostra in che modo i retailer possono tenere il passo con le offerte e gli sconti online

Si parla spesso di sensibilità al prezzo, ancora di più con la concorrenza diretta tra negozi e colossi dell’e-commerce: il prezzo e il costo diventano fattori che influenzano gli acquisti in maniera predominante, sconti e bonus viaggiano in rete sfidando stagioni e periodi dell’anno, gli utenti vogliono assicurarsi il prezzo migliore e sono disposti a sondare tutta la rete.

Fissare il prezzo giusto nel negozio quindi diventa difficile: i negozianti non riescono a tenere il passo con le offerte last-minute e improvvise che popolano la rete, proprio perché non riescono a cambiare rapidamente prezzi e sconti come avviene invece online.

Diplaydata ha condotto uno studio “Getting the In-Store Price Right in a Digital Age” sul rapporto utenti/prezzi e negozi online/negozi fisici: si scopre così che in UK il 72% degli utenti controlla i prezzi online prima di entrare nello store, e il 32% controlla i prezzi online mentre è nel negozio. Il report quindi vuole indicare ai negozianti una strada per a far fronte a questo trend attraverso l’utilizzo di digital display solutions (come per esempio gli ESLs – electronic shelf labels) in grado di garantire il miglior prezzo al momento giusto, convertendo così lead in clienti grazie al progressivo abbandono dello showrooming.

I consumer sono consci di questo trend e soprattutto del gap che c’è tra online e negozi: il 46% ritiene che i retailer offrano prezzi diversi online e offline, mentre il 68% non ha effettuato un acquisto in negozio perché ritenevano il costo troppo alto.

Secondo Andrew Dark, CEO di Displaydata, “.. La capacità di controllare i prezzi in qualsiasi momento e in qualsiasi posto ha obbligato i retailer a garantire valore e coerenza in tutti i canali. Gli ESLs (electronic shelf labels) garantiscono ai rivenditori la capacità di creare e attivare nuove promozioni e variazioni di prezzo in  negozio in pochi secondi. Questo consente loro di rispondere rapidamente alle variabili di mercato e massimizzare i profitti.”

Per scaricare gratuitamente lo studio collegarsi sul sito web www.displaydata.com/rethinkingretail

Giornalista pubblicista, Copywriter & Blogger, dal 2010 si occupa di tematiche riguardanti il CRM e il Marketing, prima su CRM Magazine, attualmente su CRM Web News. - Profilo LinkedIn: http://www.linkedin.com/pub/matteo-giaccari/2b/5a3/53a

Leave a Reply